Il BIM serve solo a progettisti e imprese

Il BIM serve solo a progettisti e imprese

Falso! L’approccio BIM estende i suoi benefici a tutti i soggetti della filiera coinvolti

Mito da sfatare #6

Il BIM non serve solo per la pianificazione della costruzione di un edificio, ma è anche un metodo essenziale per il controllo, la verifica e la riduzione degli errori in fase di esecuzione.

Con il BIM si ottiene un modello ricco di dati e di informazioni che possono essere fruibili e condivisibili a tutti gli attori coinvolti nella realizzazione di una commessa. Caratteristica fondamentale del BIM è l’interoperabilità e la possibilità di condividere dati e lavorare in maniera sinergica su un unico modello. Tutti i partecipanti al progetto possono quindi trarre vantaggio da questo nuovo metodo di lavoro collaborativo. I progettisti possono dedicare più tempo alla progettazione, sapendo che i loro progetti si comportano come previsto in ogni fase realizzativa. Le imprese di costruzione sono in grado di prevedere prima di arrivare in cantiere ogni possibile errore. Grazie all’utilizzo coordinato dei dati la committenza può essere costantemente aggiornata sul processo costruttivo. In questo modo è anche sempre possibile tenere sotto controllo i costi e i tempi di realizzazione. In ogni anello della filiera delle costruzioni l’utilizzo del BIM assume valore funzionale e determinante nello svolgimento delle loro attività questo consentendo di aumentare significativamente il vantaggio competitivo di chi lo adotta.