Il BIM aumenta i costi

Il BIM aumenta i costi

Falso! Nel tempo i costi iniziali si trasformano in risparmi

Mito da sfatare #3

Non si può negare che ci sono alcuni costi iniziali per l’implementazione del BIM ma questo è vero con qualsiasi tipo di programma che porti al cambiamento radicale dei processi di lavoro tradizionali. Questo investimento iniziale sarà però contrastato da efficienze e benefici a più lungo termine.

Sebbene il BIM non riguardi solo l’hard disk o il software o la formazione aggiuntiva, in un’implementazione BIM ad ampio raggio ci saranno probabilmente spese necessarie per tutte queste linee di bilancio. Il BIM non è però necessariamente costoso; ci sono molti strumenti disponibili gratuitamente o a basso costo e molte fonti di guida e aiuto facilmente accessibili. In più non bisogna mai dimenticare che il passaggio può essere graduale scegliendo quali aspetti dell’implementazione del BIM affrontare e quando, controllando la spesa e le tempistiche per far fronte agli impegni esistenti. Non conviene ancora in questa prima fase trasferire i costi di implementazione del BIM ai clienti perché difficilmente capiranno perché devono pagare di più per la realizzazione di un progetto con una metodologia differente, ma piano piano anche la committenza ne capirà i reali vantaggi e darà un valore più importante a questa tipologia di progettazione. Secondo alcuni studi nel lungo periodo il BIM potrebbe portare ad aumentare l’efficienza del 20-25% e ridurre il livello complessivo di rischio nel processo.